STORIA CONTEMPORANEA

LA DIFFICILE RICOMPOSIZIONE DI UN MONDO IN FRANTUMI
Armistizi – Conferenza della pace – Trattati – Esiti

Corso di 8 lezioni coordinato dal Prof. Giorgio Petracchi e condotto insieme ad altri docenti universitari

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °

Il corso di quest'anno, nel centenario della fine della Grande Guerra, si propone di rispondere a due problemi. Il primo riguarda il tentativo degli artefici della pace di Versailles di fondare un nuovo ordine mondiale. E il loro fallimento. Ciò non fu solo a causa del diktat imposto alla Germania, ma soprattutto perché la pace da essi realizzata non poggiava su solide basi di potere. Gli statisti europei pensavano ancora di controllare il mondo: credevano di poter decidere quali paesi far nascere, con quali confini, in qual modo spartirsi il Medio oriente e l'Africa. Ma il loro eurocentrismo era virtuale. Il ritiro degli Stati Uniti dalla Conferenza della Pace minò alla base l'edificio da essa costruito. La nascita dell'Unione Sovietica rese eterogeneo il sistema internazionale, che la diplomazia non riusciva più a mediare.

Il secondo problema a cui il corso cerca di rispondere riguarda il sovvertimento provocato dall'immane conflitto internazionale nell'ordine politico interno agli Stati, ma anche il disorientamento generato nella psicologia dell'uomo moderno, che si tradusse in nichilismo e rivolta. La terribile eredità della guerra, dilatata dal fallimento dei diplomatici del 1919, rese impossibile il ritorno alla normalcy dell'anteguerra, tanto auspicata dal Presidente americano Harding, solo attraverso semplici interventi finanziari ed economici. L'immane conflitto aveva compromesso la tavola dei valori di riferimento che erano alla base dell'Europa moderna. Il marxismo-leninismo da un alto, i miti del fascismo dall'altro sembrarono allora le alternative vincenti.

ORE 17,00

A - Lo scenario internazionale

Ven. 01 Feb. – AUTUNNO 1918. Bandiere bianche. Gli armistizi (Prof. Giorgio Petracchi, Università di Udine)

Ven. 08 Feb. – GENNAIO 1919.  La Conferenza della Pace e la determinazione dei vincitori di riorganizzare il mondo. 
                   (Prof. Giorgio Petracchi, Università di Udine)

Ven. 15 Feb. – LA FINE DELL’EUROCENTRISMO E IL SECOLO AMERICANO (Prof. Luciano Segreto, Università di Firenze)

Ven. 22 Feb. – LA CRITICA A VERSAILLES (Prof. Roberto Pertici, Università di Bergamo)

B - L'impossibile ritorno alla normalcy

Ven. 01 Mar. – L’ITALIA E IL MITO DELLA VITTORIA MUTILATA (Prof. Marco Tarchi, Università di Firenze)

Ven. 08 Mar. – LA GERMANIA DI WEIMAR. Vita e morte di una repubblica permissiva (Prof. Mauro Moretti, Università per Stranieri di Siena)

Ven. 15 Mar. – L’UNIONE SOVIETICA O L’UTOPIA AL POTERE (Prof. Ettore Cinnella, Università di Pisa)

Ven. 22 Mar. – LA GRANDE GUERRA NELLA COSCIENZA DELL’UOMO MODERNO 
                          (Prof. Danilo Breschi, Università degli Studi Internazionali di Roma)



Torna su